Un portale sull’Autismo: oltre la barriera degli stereotipi

In aggiunta all’articolo presente sul blog Stanford: l’autismo non è così “genetico”, e grazie ai commenti degli amici di Emergenza Autismo, riportiamo qui una serie di link che rimandano al loro sito: www.emergenzautismo.org. Il portale è dedicato a studi e riflessioni che mettono in luce prospettive decisamente differenti da alcune interpretazioni che pretendono di “spiegare” l’autismo solo in termini di ereditarietà.
Autismo: più influente l’ambiente della genetica: http://www.emergenzautismo.org/content/view/904/84/
Non è solo genetica:
http://www.emergenzautismo.org/content/view/907/84/
Aspettando lo tsunami autismo:
http://www.emergenzautismo.org/content/view/909/84/
Ricordiamo – con le parole del gruppo stesso –  che:
Emergenzautismo è un portale rivolto a famiglie e professionisti, nato dall’esperienza e dall’impegno di un gruppo di genitori di bambini, ragazzi e adulti con autismo e disturbi correlati, che non si sono arresi alla condanna implicita in questa etichetta diagnostica e che intendono difendere fortemente il diritto dei loro figli a ricevere le migliori cure possibili e favorire una maggiore consapevolezza ché molto può essere fatto per aiutarli ad ottenere notevoli miglioramenti sia nella loro salute fisica che nei problemi comportamentali e cognitivi.

Recenti sviluppi della ricerca, condotte dall’Istituto per la Ricerca sull’Autismo (ARI-DAN!) hanno infatti individuato terapie efficaci per l’autismo dimostrando chiaramente che, con un intervento medico multidisciplinare personalizzato e l’adozione intensiva dell’Analisi Comportamentale Applicata (ABA), i bambini possono compiere enormi progressi esprimendo tutto il loro pieno potenziale. Attualmente però, i bambini con autismo in Italia non possono purtroppo godere di questi adeguati trattamenti a carico del Sistema Sanitario Nazionale perché l’autismo è ancora visto dalla scienza medica ufficiale come un disturbo di esclusiva pertinenza neuropsichiatrica e come tale curato con terapia riabilitativa (psicomotricità, logopedia) e farmacologica sintomatica (psicofarmaci e antiepilettici) senza invece cercare di individuare e correggere le loro disfunzioni metaboliche, immunitarie, endocrinologiche, tossicologiche e gastrointestinali. 

Rivendichiamo prevenzione, diagnosi precoce, trattamenti medici (con il coinvolgimento di pediatri, nutrizionisti, gastroenterologi, immunologi, neurologi), l’applicazione dell’Analisi Comportamentale Applicata (ABA) e sostegno scolastico adeguatamente formato professionalmente e vogliamo offrire supporto e informazioni utili perché non debba più succedere che in Italia un bambino con autismo non venga curato per la possibile compresenza di malattie d’organo extracerebrali, lasciando che queste possano progredire e cronicizzarsi peggiorando irreversibilmente i sintomi neuropsichiatrici.”

Grazie per il vostro lavoro.
Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in 3 - Psiche, soma e dintorni e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Un portale sull’Autismo: oltre la barriera degli stereotipi

  1. Manuela ha detto:

    Evviva la Libera Divulgazione Scientifica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...